Tierra marturiata

Tierra marturiata

Tierra marturiata
Silente,
stinnicchiata’nte lu mari,
comu nu fazzulettu
stinnutu ad’asciucari.

Sti lacrimi
di sta genti duci e amari,
custretti di nuotti a nuotti
pi nu tozzu di pani,
a travagliari.

Ti pregu oh me “DIU”,
allonga la manuzza biniditta,
strappa da sta tierra
l’irvazza maliditta.


Spirannu ca nto prestu
prima ca mi ‘nnivaiu
a l’atra vita,
putissi riturnari;
nte me muntagni,
nte me cullini,
nte me mari.

Cu tutta la me genti
Cominciassi a sugnari.

Giuliano Lisuzzo

Versione in Italiano

Terra martoriata
Silenziosa,
adagiata nel mare,
come un fazzoletto
steso ad asciugare.

Queste lacrime
di questa gente dolci e amare,
costretti dall’alba al tramonto
per un pezzo di pane,
a lavorare.

Ti prego oh mio “DIO”
allunga la delicata mano benedetta,
strappa da questa terra
l’erbaccia maledetta.

Sperando in breve tempo
prima che me ne vada
ad altra vita,
potessi ritornare;
nelle mie montagne,
nelle mie colline,
nei miei mari.

Con tutta la mia gente
comincerei a sognare.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *