Semplicemente valchiria tu Guerriera io, di A. Di Maria

In uscita nelle librerie “Semplicemente valchiria tu Guerriera io”– Edizioni Billeci © 2021” primo romanzo di Antonina Di Maria.

Un’autobiografia da lei scritta che tratta la cronistoria della sua malattia (sclerosi multipla).

Nel racconto – scrive Maria Antonia Carò nella premessa inserita nel volume – l’autrice Antonina Di Maria inserisce dei flashback con avvenimenti del passato che le tornano in mente in maniera vivida e chiama “Valchiria” la sua malattia; la considera una rivale da combattere e lotta da guerriera con tutti i mezzi per sconfiggerla.


Il messaggio che vuole trasmettere è la speranza che grazie ai progressi della ricerca, una terapia innovativa ed efficace, possa migliorare la qualità di vita di quanti sono affetti da malattie di vario tipo per passare come lei stessa afferma, dal buio cupo e nero che contraddistingue la sofferenza e l’angoscia di una malattia, alla luce sfavillante dei colori dell’arcobaleno che sono propri di uno stato di benessere fisico e psichico di chi gode buona salute.

“Sono veramente felice di poter contribuire a questo romanzo, che per me è più di un romanzo – scrive Davide Schiano che ha curato l’introduzione del libro e le ha dedicato una poesia  – lo definisco un gioiello prezioso che potrà nel tempo dare aiuto a coloro che saranno costretti a vivere e lottare per la vita”.

“In questa interessante opera autobiografica – scrive Antonio Barracato che ha curato la prefazione – nata certamente con fini nobili, la cosa che mi colpisce di più è il coraggio dell’autrice nel parlarci di un nemico che ha dentro, con il quale lotta giorno dopo giorno, come una guerriera temeraria, sfidando questa terribile malattia con l’aiuto della sua fede e della speranza.

La scrittrice – continua Barracato – cerca di farci sentire la sua voce, i suoi pensieri forti che nascono dalla sua voglia di lottare e di vivere a dispetto del male che la tormenta, fino a diventare la voce di tutti coloro che soffrono nel silenzio di un ospedale.

Nella parte finale dell’opera Antonina scrive qualcosa di molto toccante che riporto: “…Voglio continuare ad essere quella guerriera che lotta con tutta se stessa per sconfiggerla. Voglio essere di esempio per me stessa, per la mia famiglia, per i miei amici, per il mondo intero, ma soprattutto per tanti altri pazienti che come me hanno la Sclerosi  Multipla…”

Davanti a queste parole non possiamo chiudere gli occhi, ma dobbiamo ascoltare e leggere con grande attenzione quello che ci viene proposto da una persona che crede nell’amore per la  vita e ci sa abilmente trasmettere la vera differenza fra ciò che  è importante e ciò che è futile in questa meravigliosa ma dolorosa esistenza.

Il volume è disponibile all’acquisto sul sito ibs.it

Altri canali di vendita

 

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *