La discesa di San Giacomo

Gratteri, La discesa di San Giacomo
A mio nonno Giacomo

 

Javucu fu lu nomu di me nannu
Armuzza bona e travagghiaturi
Cristianu anticu ca pi ogni annu
Chiancieva pi lu nostru Protetturi.

E mentri la campana java sunannu,
Currieva pi la casa du Signuri.
Lu primu era ddà, cu granni affannu,
Cu l’occhi veru chini di fervuri.

E lu vistieva cuomu un signurinu,
Aspittannu la trasuta di la festa.
Vasannulu e diciennu di cuntinu:
“Pi tia, iò pirdissi puru la testa!”.


E si sintieva già lu tammurinu,
La musica d’arreri era già lesta.
La fascia cci appuntò d’oru zecchinu,
Un populu a ludari già s’appresta.

E sienti na vampata intra lu pettu,
E mentri chidda cuorda trantulìa,
la vara già scinniu: “pusamu nettu!”
San Javucuzzu affaccia pi la via.

S’avvierti un granni sensu di rispettu,
C’è la banniera già chi svintulìa,
li Rattalùçi intornu cun affettu,
lu portanu fistanti all’Abbazia.

Li fimmini chi chiuiun lu purtuni,
Vossia nonnuzzu sulu si nni tuorna.
La casa resta senza u sò Patruni,
“Staçiuni mi passò faciennu cuorna!”.

Ma poi t’assietti supra u muragliuni,
Cuntannu chiddi petri e li tò jorna.
“Stu chianu iò lu fici agghinucchiuni,
San Javucu ti pregu, prestu torna”.

Marco Fragale
Gratteri, 09 Luglio 2014

Poesia scritta dal prof. Marco Fragale il 09 luglio 2014, che ha partecipato al concorso nazionale di poesia Himera 2014, promossa dall’Associazione culturale Termini D’Arte di Termini Imerese.

Le strofe, otto quartine di endecasillabi a rima alternata ogni due, descrivono i momenti della discesa del fercolo di San Giacomo a Gratteri, durante la traslazione in Chiesa Madre e l’apertura della festa, vissuti dal nonno, Giacomo Lanza, classe 1909. Si allega il video prodotto dall’Autore.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *