Il Compl. Band. A. Tornabene in concerto al Carcere Pagliarelli di Palermo

Una giornata nel segno della solidarietà per la popolazione carceraria della Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo.

E’ l’iniziativa promossa dall’Assessorato ai Diritti umani e Civili della Provincia Regionale di Palermo, guidato da Pietro Alongi su iniziativa del Consigliere Provinciale Vito Lanza, e organizzata in collaborazione con il Complesso Bandistico Angelo Tornabene dell‘Associazione Culturale Musicale ”Vincenzo Bellini” di Gratteri, presieduta da Filippo Drago, e con l’Associazione Nazionale Azione Sociale – sezione Policlinico ”Enzo Fragala”’.

Il 4 gennaio, alle ore 15, i detenuti del carcere potranno assistere al concerto dei 30 musicisti del Complesso Bandistico.


In programma un ampio repertorio musicale, che andrà oltre lo stile tipicamente bandistico, con pezzi tratti da colonne sonore di film, brani originali per banda, rock for synphonic e le immancabili musiche natalizie, eseguite dai componentio del complesso sotto la direzione del maestro Francesco Cangelosi. A presentare l’iniziativa sara’ la showgirl Eliana Chiavetta.

”Abbiamo rivolto un pensiero ai detenuti di Pagliarelli – spiegano il presidente della Provincia Giovanni Avanti, l’Assessore Alongi e il consigliere provinciale Vito Lanza, che saranno presenti mercoledì, insieme all’Assessore alle Politiche Sociali, Massimo Rizzuto – in un periodo dell’anno in cui solitudine e disagio sono più che mai compagni inseparabili”.

”Un pensiero – concludono – che si traduce nella volontà di rendere meno pesante la vita dentro l’Istituto, nella convinzione che la solidarietà all’interno delle carceri sia, insieme a detenzioni giuste e pene certe, uno dei pilastri di un sistema giudiziario improntato alla civiltà, all’efficienza e al rispetto della persona”.

Durante la manifestazione verranno consegnati un centinaio di pacchi dono, 10 palloni da calcio e vari barili di ducotone, chiesti dallo stesso Istituto per ridipingere le pareti delle celle.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *