COVID fase 2: comunicato del Sindaco alla Cittadinanza

Questa mattina ho revocato, con effetto da lunedi prossimo, la mia precedente ordinanza con la quale pur se con le limitazioni a voi note avevo consentito due volte la settimana la vendita ambulante di generi ortofrutticoli. Da lunedì, quindi, gli ambulanti interessati potranno tornare liberamente ad esercitare la vendita dei loro prodotti.
Fatta questa doverosa comunicazione voglio richiamare la Vostra attenzione su quanto segue.

Il 4 maggio p.v. entreranno in vigore le nuove prescrizioni dettate dal Presidente del Consiglio dei Ministri con decreto del 26 aprile u.s.. Prenderà il via, quindi, la cosiddetta “Fase 2” nell’ambito delle azioni di contrasto e di contenimento del diffondersi del virus “covid 19”.

Con il mio precedente comunicato qui pubblicato il 27 aprile u.s. ho riportato le novità piu di interesse contenute nel decreto presidenziale.


Ciò che mi preme ora ribadire è che non solo il pericolo di contagio non è cessato ma che addirittura la ripresa, se non accompagnata dal ferreo rispetto delle prescrizioni di sicurezza, può costituire ragione di una più grave recrudescenza del temutissimo fenomeno.

Mi rendo conto che questo stesso concetto lo avete sentito tante volte ascoltando i programmi televisivi.
Ma, credetemi, ripeterlo non guasta considerato l”elevatissimo prezzo che rischieremmo di pagare di seguito a comportamenti sciocchi se non addirittura irresponsabili. Fino a questo momento avete dato prova di grande maturità.

Continuate a farlo!
Non abusate “del consentito”.

Non cercate tra le pieghe delle norme interpretazioni di comodo per appagare desideri frivoli e comunque rinviabili a tempi migliori.

Tali interpretazioni, infatti, oltre ad esporvi al rigore sanzionatorio possono innescare situazioni di pericolo di cui dovremmo pentirci.

Non lasciate le vostre abitazioni se non in presenza di ragioni serie (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute) come ribadite dal citato ultimo decreto.

Rispettate sempre e comunque il divieto di assembramento, l’obbligo del distanziamento interpersonale di almeno un metro, la prescrizione di indossare la mascherina.

Sto soffrendo quanto Voi le restrizioni che la pandemia ha determinato.

Mi rendo conto però che esse hanno consentito a questa regione di non vivere il dramma che altre regioni hanno vissuto e continuano a vivere.

Forza Gratteri!!!

Il Sindaco

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *